Formazione Fisioterapisti

30Lug - by admin - 0 - In

Il fisioterapista è una delle professioni sanitarie che, molto più di altre, entrano in contatto con il paziente: con il suo dolore, con il suo star male e con la sua persona intera.

Non è vero infatti, ciò che si pensava un tempo, che il professionista si relaziona solamente con il ginocchio o la spalla da riabilitare e che possa tenere una distanza e una relazione non empatica con la persona che segue in trattamento.

Il paziente trascorre il suo tempo in seduta con una persona che si dedica a lui, che si prende cura del suo malessere ed ha a cuore il suo stato di salute. Questo il paziente lo sente, così come sente se invece il professionista è distratto e non interessato. Spesso il paziente parla di sé, racconta della sua vita, piange, ride. Il professionista entra in contatto con questi Funzionamenti del suo utente, con le sue emozioni, con il suo stato fisiologico, la sua postura e il suo livello cognitivo.

Il fisioterapista deve essere consapevole della relazione terapeutica che si instaura, delle difficoltà che quindi possono intervenire in un progetto di riabilitazione, e deve sempre tenere conto del proprio benessere, inteso come fisico ma anche psicologico, come da definizione dell’OMS.

E’ necessario che un fisioterapista sia formato su questo, che sappia gestire le proprie emozioni in relazione a quelle del paziente, mantenendo una relazione che, seppure professionale, non deve mancare di empatia solo perché il professionista non è supportato dal punto di vista psicologico o perché non ha gli strumenti per esserlo.

L’obiettivo principale della formazione è offrire ai fisioterapisti uno spazio protetto per entrare in contatto con le proprie emozioni, per ampliare e sviluppare la scoperta di Sè e dell’altro e per sperimentarsi nelle situazioni più richieste dalla professione riequilibrando le competenze meno funzionali e rinforzando quelle già consolidate attraverso il modello Funzionale.

Il focus dell’intervento è il fisioterapista stesso con i suoi movimenti, anche affettivi. lo sperimentare in prima persona gli effetti di alcune modalità relazionali e di alcune metodiche permette di conoscere e affrontare questi suoi Funzionamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *