“Se sei felice in sogno, vale?”
“Vale cosa?”
“La felicità è valida?”

I sogni sono il frutto di complesse attività cerebrali che abitano il nostro sonno: le esperienze oniriche appartengono a quell’affascinante e misterioso processo cognitivo in cui le informazioni esterne ed interne all’individuo vengono elaborate, mescolando le carte della razionalità. Nel sogno cade il ferreo controllo delle strutture logiche usate per decifrare il mondo, e vengono tessute trame narrative dai profondi contenuti emotivi e simbolici, tanto pregnanti quanto difficili da interpretare.

La persona che ci racconta un sogno condivide non solo una narrazione della sua interiorità, ma anche la propria modalità di rapportarsi ad essa: in altre parole mostra il Funzionamento del suo Se’, e più precisamente le Funzioni maggiormente implicate in una specifica fase di vita e/o terapeutica.
Per questo motivo il materiale onirico, da sempre considerato come una delle manifestazioni più affascinanti della coscienza umana, è ampiamente usato in psicoterapia: il clinico, attraverso la relazione e lo stretto contatto con il paziente, porta gradualmente quest’ultimo a prendere consapevolezza dei suoi Funzionamenti e dei suoi vissuti. Ogni frammento e/o parte del sogno esprime specifiche Funzioni della persona che aspettano di essere rielaborate e integrate. Pertanto durante il lavoro terapeutico (e non solo) il sogno può diventare una guida importante: una luce per farsi strada dentro alla propria complessità senza rimanerne smarriti.

L’analisi del sogno necessita di una relazione di profonda conoscenza tra interprete e sognatore: sono sempre molti i livelli di lettura con cui si può interpretare un messaggio onirico e spetta al clinico mostrare quali sono i ponti di collegamento e di passaggio tra l’esperienza sognata e quella reale. Mettersi in contatto con se’ stessi e la propria interiorità offre sempre occasioni di crescita e nuove prospettive:col progredire dell’attività terapeutica aumenta la consapevolezza di se’ e di conseguenza anche i sogni divengono più chiari e realistici, arricchiti da un nuovo modo di pensare se stessi e la vita.

 

Valentina Vettor, psicologa psicoterapeuta funzionale 

Il Sogno in psicoterapia