GRUPPO ADULTI: 1 GIOVEDI’ AL MESE 19.30-21

Talvolta può capitare di sentirsi messi a dura prova dalla vita: ci sono momenti in cui le difficoltà sembrano non finire mai ed altri in cui si sente il peso di situazioni difficili e problematiche che non si riesce lasciare alle spalle.

Tutti noi abbiamo a che fare con eventi frustranti o con sollecitazioni ambientali che ci inducono a cambiare, a fronteggiare con energia richieste esterne che spingono ad adattarci ed evolverci. Questo accade fin dai primi giorni di vita: il momento della nascita, la prima volta all’asilo, le interrogazioni a scuola, le cadute in bicicletta, le litigate con gli amici, per arrivare poi alle discussioni con i capi, alla gestione della vita di coppia, alle preoccupazioni economiche e politiche: l’elenco degli “stressor” potrebbe essere ancora lunghissimo.
Questo significa che la vita intera è uno stress?!!

A volte, presi dallo sconforto, pensiamo che davvero sia così.
In realtà sappiamo bene che il cambiamento continuo porta alla crescita, alla scoperta, alla conquista delle cose che ci piacciono e ci fanno stare bene… basterebbe poco per ricordarci che a scuola non si stava poi così male, che dopo la caduta in bicicletta in consolazione è arrivato un gelato…. abbiamo le risorse per affrontare gli ostacoli della vita, ma nei momenti di affaticamento e sovraccarico la memoria degli eventi positivi e la motivazione al cambiamento sembrano svanire.

Secondo una recente ricerca dell’ANSES (associazione nazionale stress e salute) il 90% degli italiani soffre o ha sofferto della sindrome da stress, riportando anche malesseri fisici quali cefalea, insonnia, mal di stomaco, dolori muscolari e stati tensivi, con ripercussioni significative anche sul piano emotivo, relazionale e prestazionale. Irritabilità frequente, un costante senso di insoddisfazione e frustrazione, crisi di rabbia improvvise e paure incombenti seguite a sconforto e senso di smarrimento e confusione sono tutte conseguenze inevitabili di situazioni in cui l’esaurimento psicofisico prende il sopravvento.

Spesso la persona stressata sente di non avere il tempo né le energie da investire in attività dedicate al proprio benessere e al proprio rilassamento e tende ad esercitare su di se’ una “forza a resistere” basata sull’autoconvincimento di dovercela e potercela fare, di provare a tenere duro “fino alla prossima vacanza”… salvo poi sperimentare veri e propri crolli psicofisici vissuti come fallimenti che possono confluire anche in stati ansioso-depressivi. La palestra, lo shopping, una camminata, un massaggio in SPA possono sicuramente contribuire al benessere personale, ma sono attività solo temporaneamente rilassanti e non permettono di modificare in modo profondo le condizioni di stress. Affinché ciò accada, occorre affidarsi ad esperti che sappiano trattare il disturbo in tutte le sue sfaccettature, intervenendo direttamente su tutti i piani del funzionamento personale: con l’approccio funzionale é possibile utilizzare tecniche terapeutiche in grado di modificare direttamente gli assetti fisiologici dell’organismo. Utilizzando adeguatamente e consapevolmente la respirazione, il tocco massaggio, l’immaginazione guidata e intervenendo sul piano corporeo/posturale, é possibile agire anche sui sistemi catecolaminici direttamente implicati nei circuiti neurofiologici che producono il cortisolo: l’ormone dello stress.

L’intervento funzionale ottiene effetti di rilassamento profondo e miglioramenti sul piano della salute in modo oggettivo e misurabile: una scelta EFFICACE che vi consigliamo di NON RIMANDARE A DOMANI .

 

I GIOVEDì dalle 19:30 alle 21.00

presso lo SPAZIOMENTECORPO a TREVISO, Viale Terza Armata 7

 

IL TRATTAMENTO FUNZIONALE ANTISTRESS Treviso
Tag: